Crea sito



 




Le informazioni di medicina e salute non sostituiscono l'intervento del medico curante.
Nessuna responsabilità è assunta riguardo ai liberi commenti inseriti dai visitatori del sito.
I precedenti consigli, riconducibili a pratiche con scopi terapeutici, non assicurano alcun tipo di garanzia sul fatto che effettivamente queste terapie, sebbene riportate accuratamente, correttamente e senza contravvenire alla legge, possano sostituire l'intervento di un medico tradizionale.




DONNA

Anticoncezionali

Anello Nuvaring: prezzo, effetti collaterali, uso


Nuvaring, anello vaginale

 
L’anello vaginale (Nuvaring® in Italia) è un anello di plastica sottile, trasparente e flessibile, che è possibile inserire da sole in vagina per ottenere un’alta efficacia contraccettiva. L’anello, lasciato in vagina per tre settimane, rilascia lentamente estrogeni e progestinici nell’organismo, questi ormoni impediscono l’ovulazione e modificano il muco cervicale, creando così una barriera che impedisce agli spermatozoi di fecondare l’ovulo. L’anello vaginale, indossato per tre settimane consecutive seguite da un intervallo di una settimana, assicura l’efficacia contraccettiva per l’intero mese. L’anello vaginale ha un’efficacia contraccettiva del 92-99,7%.

Non offre però alcuna protezione contro le malattie sessualmente trasmissibili, come l’HIV/AIDS.
In Italia è venduto in farmacia, dietro presenza di ricetta medica, al prezzo di € 15.50.

Modo d’uso
Nuvaring va inserito la prima volta nei primi cinque giorni del ciclo, oppure entro cinque giorni da un aborto avvenuto durante il primo trimestre di gravidanza. (Se avete avuto un bambino oppure avete abortito durante il secondo trimestre, è consigliabile attendere quattro settimane prima di inserire l’anello. Se invece state allattando, consultate il medico.) L’anello vaginale è pienamente efficace già dopo sette giorni di uso ininterrotto. Per diminuire il rischio di gravidanza e di infezioni dell’apparato riproduttivo, soprattutto durante la prima settimana di utilizzo, è possibile usare il preservativo oppure uno spermicida (di difficile reperibilità in Italia) oltre all’anello vaginale.

È possibile passare direttamente da un altro metodo contraccettivo ormonale all’anello senza che l’efficacia contraccettiva diminuisca. Se attualmente usate:

Contraccettivi orali combinati (pillola): inserite l’anello vaginale entro sette giorni dall’ultima pillola della scatola.
Contraccettivi orali con solo progestinico (minipillola): inserite l’anello in qualsiasi giorno del ciclo e, nello stesso giorno, smettete di assumere la minipillola.
Contraccettivi iniettabili (Lunelle o Depo Provera): inserite l’anello vaginale nel giorno programmato per l’iniezione successiva.
IUD o spirale: inserite l’anello vaginale nello stesso giorno in cui viene rimossa la spirale.
Se in precedenza usavate uno di questi metodi e avete seguito correttamente le istruzioni, l’anello dovrebbe essere immediatamente efficace.

Inserimento

Le prime volte l’inserimento potrebbe risultare un po’ scomodo tuttavia, poiché l’anello vaginale non è un metodo di barriera, anche se non lo si inserisce perfettamente non ci saranno problemi. Potete sedervi allargando le gambe, stare in piedi con una gamba leggermente alzata oppure sdraiarvi supine con le gambe allargate. Piegate l’anello e fategli assumere la forma di un ovale leggermente schiacciato, poi inseritelo delicatamente in vagina. Sistematelo abbastanza profondo da non avvertire scomodità o da non sentirlo affatto.

Rimozione
L’anello vaginale deve rimanere in vagina per tre settimane. Per rimuoverlo agganciatelo con un dito e tiratelo fuori. Per gettarlo via avvolgetelo nella bustina originale e gettatelo in pattumiera, così gli ormoni non si disperderanno nell’ambiente. Nei giorni successivi dovrebbe iniziare la mestruazione.

Se desiderate usare lo stesso metodo anche nel mese successivo, inserite un nuovo anello sette giorni dopo aver rimosso il precedente, anche se la mestruazione non è del tutto terminata.

Conservazione
Gli anelli vaginali dovrebbero essere conservati a temperatura ambiente, non superiore ai 25 °C, lontano dalla luce solare diretta. Prima della consegna alla paziente Nuvaring viene conservato in frigorifero.

Uso senza pause
È possibile non fare la pausa mensile e quindi saltare un ciclo.

Indossate l’anello per tre settimane,
rimuovetelo
e inseritene immediatamente uno nuovo.
Continuate a cambiare l’anello ogni tre settimane senza alcuna interruzione.

Precauzioni
L’anello può fuoriuscire dalla vagina: in questo caso potete lavarlo con acqua fredda o tiepida (non calda!) e reinserirlo. Se perdete l’anello originario inseritene uno nuovo il prima possibile.

Se l’anello rimane fuori dalla vagina per più di tre ore c’è il rischio di rimanere incinta.
Per essere considerato nuovamente efficace, l’anello deve essere indossato senza pause per sette giorni. In questa settimana è consigliabile usare un metodo contraccettivo di barriera, come il preservativo; il diaframma, invece, non è consigliato come metodo di barriera temporaneo per l’anello.

Assenza del ciclo
Se le mestruazioni non arrivano non siete necessariamente incinte, tuttavia dovreste prendere in considerazione l’eventualità di una gravidanza e quindi effettuare un test. Le probabilità di gravidanza aumentano se l’ultimo anello è rimasto fuori dalla vagina per più di tre ore, se avete saltato due cicli oppure se avete indossato un anello per più di quattro settimane. Se siete incinta, smettete di usare l’anello.

Controindicazioni
Per alcune donne l’anello vaginale è sconsigliato, perché potrebbe provocare gravi problemi di salute. Le donne di età superiore ai 35 anni che fumano o sono affette da una delle patologie seguenti non dovrebbero usare l’anello:

Precedenti di attacchi cardiaci,
Dolore al seno,
Trombosi ed embolie,
Sanguinamento vaginale con cause non accertate,
Ipertensione grave,
Diabete con complicazioni a carico dei reni, degli occhi o dei nervi,
Tumore (diagnosticato o presunto),
Gravidanza (accertata o presunta),
Tumori o altre malattie del fegato,
Cefalea con sintomi neurologici,
Ittero,
Vizi valvolari cardiaci con complicazioni,
Necessità di riposo prolungato dopo un intervento chirurgico,
Reazione allergica all’anello.

L’uso dell’anello è inoltre sconsigliato alle donne affette da o con precedenti famigliari di:

tumore al seno,
diabete,
ipertensione,
colesterolo alto,
cefalea,
epilessia,
depressione,
patologie renali o a carico della cistifellea,
importanti interventi chirurgici recenti,
facilità all’irritazione vaginale,
prolasso uterino,
prolasso vescicale,
prolasso rettale,
costipazione grave.
allattamento.
Effetti collaterali

Quando l’organismo reagisce alle modifiche ormonali causate dall’anello vaginale, le donne possono avere alcuni effetti collaterali di lieve intensità tra cui:

Perdite vaginali (spotting),
Irritazione vaginale,
Mal di testa,
Aumento del peso,
Nausea,
Irregolarità mestruali,
Dolori al seno,
Sbalzi d’umore,
Interazioni.

L’efficacia dell’anello diminuisce se vengono assunti contemporaneamente altri farmaci tra cui:

alcuni antibiotici,
l’iperico (erba di S. Giovanni),
farmaci contro le convulsioni, contro la tubercolosi e contro l’emicrania.

Se state assumendo uno di questi farmaci, chiedete consiglio al medico. Se assumete farmaci in grado di interferire con l’anello dovreste usare anche un metodo di barriera temporaneo, come il preservativo o lo spermicida. Come per qualsiasi altra terapia, conviene informare tutti i medici che vi seguono del fatto che state usando un metodo contraccettivo ormonale.

Sintomi preoccupanti
Se avvertite uno qualsiasi dei sintomi seguenti mentre state indossando l’anello, dovreste chiamare immediatamente il medico:

Dolore addominale grave,
Dolore al petto o difficoltà respiratorie,
Cefalea grave,
Problemi di vista, ad esempio vista sfocata,
Grave dolore o intorpidimento alle gambe o alle braccia,
Vantaggi
Facile da usare.
Può essere indossato per tre settimane consecutive.
L’effetto contraccettivo di un anello dura per un mese intero.
Non è necessario interrompere i rapporti.
Svantaggi
Non offre alcuna protezione contro le malattie sessualmente trasmissibili, come l’HIV/AIDS.
Fa aumentare il rischio di attacchi cardiaci.
Richiede la prescrizione medica.

Si consiglia sempre di parlarne al proprio medico curante .

torna ad home page    torna a DONNA  torna a ANTICONCEZIONALI
 

QUESTO sito NON RAPPRESENTA UNA TESTATA GIORNALISTICA IN QUANTO VIENE AGGIORNATO SENZA NESSUNA PERIODICITÀ, PERTANTO, NON PUÒ CONSIDERARSI UN PRODOTTO EDITORIALE AI SENSI DELLA
LEGGE N. 62 DEL 7.03.2001.
L'AUTORE NON HA ALCUNA RESPONSABILITÀ PER QUANTO RIGUARDA gli articoli scritti che sono presi da altri blog o siti SITI da i QUALI  DECLINO OGNI RESPONSABILITÀ PER GLI EVENTUALI ERRORI ED INESATTEZZE RIPORTATI NEL sito E PER GLI EVENTUALI DANNI DA ESSI DERIVANTI

21/02/2011 scritto da BAT-ENZO