Crea sito

BOTANICA




Monstera deliciosa
Araceae



Generalità: questa pianta è veramente molto resistente , quindi si può collocare un po' dappertutto. Visto questa sua grande resistenza, spesso il problema sono le dimensioni che può raggiungere. Proviene dalle foreste tropicali del Guatemala, si sviluppa con un portamento cespuglioso ed ha delle foglie caratteristiche molto frastagliate di colore scuro.
  
Esposizione: Essendo una pianta tropicale ha bisogno di molta luce, ma non deve essere mai esposta ai raggi solari diretti, questi ultimi potrebbero causare delle macchie sulle foglie. Nel periodo estivo è consigliato trasportare la pianta all'esterno, all'ombra di una pianta.

Annaffiature: necessita di molte annaffiature, in relazione alla temperatura dell'ambiente. Per un miglior monitoraggio, si controlla il terreno che dovrà essere sempre umido ma non inzuppato, non si deve mai lasciare l'acqua nel sottovaso.

Concimazioni: la Monstera è molto sensibile alle concimazioni, per questa ragione è bene non esagerare, un eccesso di concime potrebbe farle sviluppare foglie molto grandi e altera l'equilibrio della pianta. Il concime consigliato è quello per piante d'appartamento, giustamente diluito. La frequenza delle concimazioni varia a seconda dell'età della pianta: quando sono giovani hanno bisogno di più nutrimento di quando ormai sono piante adulte; è buona norma effettuare almeno due o tre interventi l'anno.

Rinvaso: necessita di poca terra; quando la pianta è sproporzionata al vaso si effettua il trapianto. Si utilizza un terriccio universale con l'aggiunta di polistirolo a pallini per alleggerire la composta, è necessario formare un buon drenaggio sul fondo del vaso, visto che non sopporta i ristagni idrici.

Temperature: tollera bene anche le basse temperature, ma queste non dovrebbero mai scendere al disotto dei 12 °C, la temperatura ottimale è di 18-22 °c, per questo motivo si adatta molto bene alla vita in appartamento. La pianta è molto sensibile alle alte temperature, quindi con l'aumentare di queste è opportuno anche ridurre gli intervalli di irrigazione. Predilige ambienti con aria fresca.


Moltiplicazione: La riproduzione di questa pianta avviene nel periodo estivo, visto le alte temperature di cui ha bisogno per radicare. Le parti da utilizzare per la talea sono l'apice o le gemme laterali, per evitare l'insorgere di malattie si consiglia l'uso di una lama molto tagliente. Per facilitare l'attecchimento si consiglia l'utilizzo di ormoni radicali.

Parassiti: E' una pianta che raramente viene attaccata dai parassiti, eventualmente da afidi verdi.

Consigli: Visto lo sviluppo della Monstera e la formazione di radici aere che le servono come sostegno, quanto la pianta si alza necessita di un tutore per ancorarla. Il tutore dovrà essere ricoperto di muschio per facilitare l'ancoraggio delle radici. Se la pianta presenta delle foglie gialle, è opportuno rinvasarla, aumentando il drenaggio e diminuendo le annaffiature. Quando la pianta invece presenta delle chiazze nere sulle foglie e possibile che quest'ultima abbia preso delle gelate o dei colpi di freddo. Se invece mostra delle foglie con zone rossicce alle estremità, necessità di più acqua.
Il nome Monstera deriva dal latino mostifer, pianta che genera mostri.


torna a home page


QUESTO SITO NON RAPPRESENTA UNA TESTATA GIORNALISTICA IN QUANTO VIENE AGGIORNATO
SENZA NESSUNA PERIODICITÀ, PERTANTO, NON PUÒ CONSIDERARSI UN PRODOTTO EDITORIALE AI SENSI
DELLA LEGGE N. 62 DEL 7.03.2001.

25/02/2011 scritto da BATENZO