Crea sito

Benessere

INDEX BAT-ENZO
2012
ASTRONOMIA
BENESSERE
CASA
MISTERIO

PROFEZIE
PRONTOSOCCORSO
SALUTE
SAPERE
SURVIVAL
VULCANOLOGIA
UFO


ARTICOLI OMEOPATIA


Cosa mangiare dopo le 22,00


MEDICINA NATURALE
Agopuntura
I semi contro insonnia e depressione
L’albero del Neem,
un rimedio naturale con notevoli indicazioni
Rimedi naturali per le emorroidi


NUTRIZIONE BAMBINI

ALIMENTAZIONE BAMBINI

SOS SALUTE

ALIMENTAZIONE E SALUTE


OLI ESSENZIALI E AROMATERAPIA
 ANTIAGE
INTEGRATORI
ALIMENTAZIONE
 • DIMAGRIRE
RICETTE
 DIETA E SALUTE
INTOLLERANZE
ERBE E PIANTE MEDICINALI
 ERBE E FITOTERAPIA
 BELLEZZA

 




 



 

ERBE E FITOTERAPIA

Tendini e muscoli doloranti? L’ippocastano li disinfiamma

Come olio da massaggio o sotto forma di tintura madre, gli estratti dell’albero di ippocastano sono un toccasana per gonfiore, bruciore e rigidità: come e quando utilizzarli.



L'ippocastano o castagno d'India appartiene alla famiglia delle Ippocastanacee ed è stato introdotto in Europa dalla Persia nel XVI secolo dai turchi. È un albero che può raggiungere i trenta metri di altezza, con rami massicci e una corteccia "screpolata". Il frutto dell'ippocastano è una capsula verde, spinosa, che contiene 1 o 2 grossi semi marroni. Il nome ippocastano deriva dal greco e significa "castagna del cavallo" poiché i semi servivano per curare la tosse nei cavalli.

L'ippocastano è un efficace antinfiammatorio

La parte dell'ippocastano che la fitoterapia utilizza è proprio il seme: è ricco di tannini, saponine e flavonoidi, sostanze che spiegano la notevole attività terapeutica della pianta. Mentre i tannini svolgono attività antinfiammatoria, l'escina, che è una saponina, riduce il gonfiore. Inoltre, nel fitocomplesso contenuto nel seme è presente anche il glucoside cumarinico, dalle notevoli virtù antidolorifiche.

In tintura madre l'ippocastano riduce bruciore e gonfiore

Contro le affezioni tendinee si può far preparare dal farmacista o dall'erborista un'associazione fra la tintura di ippocastano e altre tinture madri (vedi sotto), da utilizzare per via orale fino a miglioramento della sindrome dolorosa.

Come assumerla

È composta da Aesculus hippocastanum, Arpagophytum procumbens e Hamamelis virginiana, tutto in parti uguali. Se ne assumono 50 gocce 2-3 volte al dì, in mezzo bicchiere d'acqua, lontano dai pasti.

L'olio di ippocastano è lenitivo e calmante

Per uso esterno si può preparare un olio di ippocastano utilizzando 2 cucchiai di foglie essiccate in 2,5 decilitri di olio di oliva. Si fa sobbollire il tutto a vapore per un'ora e poi si lascia macerare per 4-5 giorni. Al termine di questo periodo si filtra accuratamente.

Come si utilizza

Questo olio può essere utilizzato sulle zone colpite da tendiniti e contusioni ma anche contro geloni, varici ed emorroidi. Un cucchiaino di unguento va massaggiato sulla parte dolorante fino ad assorbimento. E se non hai tempo di preparare l'olio, usa con le stesse modalità il macerato glicerico di ippocastano.

Riattiva anche il circolo

I preparati di ippocastano, da usare per impacchi e massaggi, curano anche emorroidi, fragilità capillare e insufficienza venoso-linfatica.

Precauzione : non ingerite direttamente i semi

A differenza del seme della Castanea sativa (ovvero il comune castagno), quello dell'ippocastano non può essere mangiato perché tossico.

Saperne di più: ma perché arrivano tendiniti e dolori muscolari?

Il nostro atteggiamento influisce sulla postura, sui movimenti e sul tono muscolare, spesso senza che ce ne accorgiamo. Perciò, se siamo la nostra attività lavorativa è di tipo mentale, facilmente si infiammeranno i tendini della muscolatura nucale e cervicale, che sostengono la testa. Se stiamo facendo un'attività fisica pesante, saranno favorite le infiammazioni nella zona lombare. Se nella vita stiamo "correndo troppo", potrebbero essere coinvolti da strappi o stiramenti i tendini e i muscoli delle gambe.

Tendini e muscoli risentono quindi di uno schema corporeo con cui scarichiamo sull'apparato locomotore le nostre emozioni e il nostro stile di vita. Perciò tutto quello che ci aiuta a essere in equilibrio con noi stessi può proteggere le strutture tendinee e farci muovere più agilmente nella realtà

torna ad home page   torna a Erbe e Fitoterapia



L'AUTORE NON HA ALCUNA RESPONSABILITÀ PER QUANTO RIGUARDA GLI ARTICOLI SCRITTI CHE SONO PRESI
SITI DA I QUALI  DECLINO OGNI RESPONSABILITÀ PER GLI EVENTUALI ERRORI ED INESATTEZZE RIPORTATI  E PER GLI EVENTUALI DANNI DA ESSI DERIVANTI


08/02/2011 scritto da BATENZO